Le Trottoir alla Darsena | Piazza XXIV Maggio, 1 - Milano
Le Trottoir alla Darsena - Ritrovo d'Arte, Cultura e Divertimento
contatti    mappa
 
 
 
 
 
       
 
Eventi
 

GIUGNO 2007 - LIVE CONCERTS EVERYNIGHT - CONCERTI DAL VIVO TUTTE LE SERE

ALWAYS OPEN - FROM 10 p.m. TO 3 a.m.

GIUGNO 2007 - LIVE CONCERTS EVERYNIGHT - CONCERTI DAL VIVO TUTTE LE SERE


GIUGNO 2007 – LIVE CONCERTS – EVERYNIGHT - CONCERTI DAL VIVO – TUTTI I GIORNI (photo of: ELEONORA - Photo by: TONY FEDERICO )
ALWAYS OPEN – FROM 11 a.m. TO 3 a.m. - SEMPRE APERTI

1 - VENERDI - FREE SOUL - R&B & Black
2 - SABATO - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
3 - DOMENICA - GANGE AND TRIO - Italian & Pop & Reggae
4 - LUNEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
5 - MARTEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
6 - MERCOLEDI - THE DRAGONS - American Rock’n Roll
7 - GIOVEDI - SONORA ROCK - Rock
8 - VENERDI - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
9 - SABATO - FREE SOUL - R&B & Black
10 - DOMENICA - CONTRADA BEAT - Reggae
11 - LUNEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
12 - MARTEDI - THE DRAGONS - American Rock’n Roll
13 - MERCOLEDI - BETTY BLUE - Original & Blues
14 - GIOVEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
15 - VENERDI - HIGH VIBES - Reggae
16 - SABATO - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
17 - DOMENICA - I MOTHER OF GROOVE - Jazz & Black
18 - LUNEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
19 - MARTEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
20 - MERCOLEDI - To be conf
21 - GIOVEDI - HIGH VIBES - Reggae
22 - VENERDI - FREE SOUL - R&B & Black
23 - SABATO - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
24 - DOMENICA - CONTRADA BEAT - Reggae
25 - LUNEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
26 - MARTEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
27 - MERCOLEDI - THE DRAGONS - American Rock’n Roll
28 - GIOVEDI - FOTTUTISSIMI ROCK - Rock'R
29 - VENERDI - HIGH VIBES - Reggae
30 - SABATO - FREE SOUL - R&B & Black

Inserito il 27.10.2007

Dal 1 GIUGNO 2007 - FABIO BORTOT - MOSTRA FOTOGRAFICA

INAUGURAZIONE ORE 20

Dal 1 GIUGNO 2007 - FABIO BORTOT - MOSTRA FOTOGRAFICA

Dal primo al 19 giugno al “le Trottoir” di Milano in Darsena sarà esposta una selezione di opere create da Fabio Bortot. L’autore, venticinquenne di origini romane, ha cominciato ad affinare la sua sensibilità artistica sin da piccolo grazie all’appoggio dei genitori (la madre dipingeva e lavorava la ceramica). Inizialmente i suoi interessi erano rivolti principalmente alle arti plastiche di qualsiasi tipo, per poi stabilizzarsi sulla creazione di effetti speciali di make up. All’età di 20 anni infatti, durante gli studi universitari, segue un corso di trucco cineteatrale ed è ideatore e realizzatore di effetti speciali per un cortometraggio. Tuttavia la ricerca di forme espressive più adatte alla situazione in cui vive diventa una costante nel seguente periodo. Un’inaspettata svolta arriva all’età di 22 anni, quando incontra la fotografia; però, trascorso un po’ di tempo, i limiti espressivi di questo media cominciano ad essere troppo vincolanti. Allora decide di riprendere in mano un suo vecchio compagno, il pennello, alla ricerca di un equilibrio che gli permettesse di trovare un percorso artistico che integrasse le diverse competenze acquisite. Le cose che vedrete nascono quindi da una ricerca volta a unire stili e tecniche espressive diverse, spesso considerate antitetiche, nell’ottica di una pari dignità e riconoscendo che ognuna di esse può avere un ruolo descrittivo specifico anche in un singolo oggetto. L’artista mescola così fotografia e pittura. Ed ecco che su un terreno neutro – la carta e la tela – le due tecniche si rincorrono, lottano e si aggrovigliano per trasmettere una sensazione ed un messaggio… fino a confondere l’osservatore tra realtà e visione. Le immagini presentate sono ognuna diversa dall’altra, ma tutte accomunate dal tentativo di mostrare con i fatti come la realtà non sia altro che la percezione della stessa, di smascherare questo gioco tra realtà e finzione. Il tema è scottante: su questo terreno si crea l’intolleranza e la xenofobia. Risulta quindi chiaro come la fotografia sia intesa come uno dei tanti punti di vista possibili, una base di partenza, mentre la pittura, fornisce uno strumento per svelare l’autore dietro la foto. Infatti è dopo l’avvento degli espressionisti si è compreso realmente il potere del pennello dell’artista: il potere di fornire un’interpretazione riconoscibile del mondo e non solo una sua rappresentazione. E’ questo che si propone l’esposizione: confondere l’osservatore tra realtà e visione, tra oggettivo e soggettivo. E per rendere ancor più evidente questa discrepanza nei quadri di Fabio Bortot non viene mostrato quasi nulla di inventato; con poche eccezioni tutto quello che è ritratto è lì, esiste realmente, eppure il sapore è quello della fantasia. La location scelta per la mostra è “le Trottoir” in darsena, a Milano, locale noto per essere punto di riferimento di artisti e professionisti di varia natura. Ha notevolmente contribuito alla fama del luogo l’autorevole e praticamente fissa presenza di Andrea G. Pinketts, scrittore noir di spicco. Nell’osservare le opere ricordate dunque che “esse est percipi”, per citare un noto filosofo (Berkeley): la realtà è quel che noi cogliamo attraverso i nostri sensi, quel che percepiamo. La realtà non è la realtà… anzi, non è l’unica verità.

Inserito il 27.10.2007

DAL 12 GIUGNO 2007 - CHIRO - MOSTRA DI QUADRI

INAUGURAZIONE E SHOW

DAL 12 GIUGNO 2007 - CHIRO - MOSTRA DI QUADRI

CHIRO, Ciro Amos Ferrero classe 1977 Il mio stimolo visivo Nel nostro presente, in ogni momento della giornata, siamo sottoposti ad uno stimolo continuo di: immagini, manifesti pubblicitari, TV e video vari, segnaletiche stradali, insegne ecc... Tutto ciò fa ormai parte del vivere quotidiano di ogni persona e molto spesso non ce ne rendiamo conto. Ma la mente umana accumula e rielabora ogni messaggio che viene a contatto con il senso visivo e solo quando ci troviamo in un luogo diverso dal nostro abitat abituale le differenze ci appaiono naturali. Ha preso vita con il passare degli anni, un probabile inquinamento visivo degli spazi comuni all’interno della società moderna. Con il mio lavoro mi limito ad esporre quello che osservo in prima persona, vivo con uno stimolo continuo questo “martellamento visivo” di colori alterati, scritte al neon, falsi modelli estetici e tutto ciò che influenza il mio presente nelle città. presentazione al lavoro di CHIRO Il lavoro di Chiro nasce, si sviluppa, si modifica e si consuma al cospetto continuo di una medialità dalla quale tutti oggi giorno non abbiamo scampo. E’ difficile infatti, se non impossibile, sottrarsi ai messaggi costanti di ogni nuova, sia essa informativa che di mercato: si è comunque raggiunti e sovrastati sopratutto dall’immagine ormai in ogni luogo. Chiro non è disturbato molto da ciò, appartiene ad una generazione cresciuta al pari delle nuove tecnologie che sono in perenne mutamento così come le icone elettroniche che trasmettono. Chiro registra, memorizza, annota e ci ripropone un’ulteriore medialità, realizza con mezzi tutt’altro che tecnologici, che si colloca tra arte e nuovo artigianato. Scritte riporti fotografici, particolari di interni domestici o esterni tropicali vengono usati come ready-made e/o citazioni altre in componimenti il cui esito è sempre in progress. Anche nelle ultime opere in cui la tridimensionalità è protagonista questi elementi Connotano sensibilmente un linguaggio curioso, intelligente più che mai presente nel suo tempo. Ritengo pertanto un’interessantissima presenza nell’attuale panorama artistico giovanile. Stefano Pizzi docente all’accademia di Brera

Inserito il 27.10.2007

LUGLIO 2007 - LIVE CONCERTS EVERYNIGHT - CONCERTI DAL VIVO TUTTE LE SERE

Sempre APERTI - Always OPEN - From 11 a.m. To 3 a.m. - Photo by: TONY FEDERICO

LUGLIO 2007 - LIVE CONCERTS EVERYNIGHT - CONCERTI DAL VIVO TUTTE LE SERE


LUGLIO 2007 – LIVE CONCERTS – EVERYNIGHT - CONCERTI DAL VIVO – TUTTI I GIORNI (photo of: NIKI NORA - Photo by: TONY FEDERICO )
ALWAYS OPEN – FROM 11 a.m. TO 3 a.m. - SEMPRE APERTI

1 - DOMENICA - FRANZY SQUARE - Rock & Reggae
2 - LUNEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
3 - MARTEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
4 - MERCOLEDI - SCIARADA ROCK - Rock & Funk
5 - GIOVEDI - RAY TARANTINO - Funk & R'B
6 - VENERDI - STAR FUNK - Funk & Reggae
7 - SABATO - FREE SOUL - R&B & Black
8 - DOMENICA - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
9 - LUNEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
10 - MARTEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
11 - MERCOLEDI - RAYMOND & WRIGHT - Reggae & R&B
12 - GIOVEDI - HIGH VIBES - Reggae
13 - VENERDI - FREE SOUL - R&B & Black
14 - SABATO - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
15 - DOMENICA - CONTRADA BEAT - Raggae & Funk
16 - LUNEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
17 - MARTEDI - SPACCAIL SILENZIO - Original & Rock
18 - MERCOLEDI - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
19 - GIOVEDI - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
20 - VENERDI - I MOTHER OF GROOVE - Rock & Funk
21 - SABATO - FREE SOUL - R&B & Black
22 - DOMENICA - CONTRADA BEAT - Raggae & Funk
23 - LUNEDI - DAVE MULDOON - USA - Rock & Blues
24 - MARTEDI - RAYMOND & WRIGHT - Reggae & R&B
25 - MERCOLEDI - THE DRAGONS - American Rock’n Roll
26 - GIOVEDI - HIGH VIBES - Reggae
27 - VENERDI - TRIBAL TRIBA - House & Voice & Electronics & Reggae
28 - SABATO - FREE SOUL - R&B & Black
29 - DOMENICA - THE BLUESMAN BAND - Blues & Rock
30 - LUNEDI - THE DRAGONS - American Rock’n Roll
31 - MARTEDI - RAYMOND & WRIGHT - Reggae & R&B

Inserito il 27.10.2007

4 LUGLIO 2007 - SILVIA AONZO - PRESENTA ROMANZO

CON DANZA E MUSICA - DALLE ORE 20

4 LUGLIO 2007 - SILVIA AONZO - PRESENTA ROMANZO

E LA SCRITTRICE DANZA I SUOI SOGNI Giovedì 4 luglio, Le Trottoir, P.zza 24 maggio, dalle ore 21.00 Favorevole la data tanto evocativa, il prossimo 4 luglio il pubblico milanese potrà assistere alla rappresentazione della scrittrice che danza nei suoi sogni, la giovane Silvia Aonzo, nota la pubblico letterario milanese per i suoi racconti e le sue poesie. Presso “Le Trottoir” (storico caffè letterario di Piazza 24 maggio) Silvia Aonzo metterà infatti in scena le atmosfere orientali e gli episodi onirici tratti dal proprio romanzo “Il morso del serpente” (Altrimedia Edizioni, 2007, Matera). La scrittrice, già conosciuta dai caffè milanesi come poetessa e affabultatrice, propone una rappresentazione che fonde nello stesso evento espressivo recitazione, musica e danza, in un alternarsi ritmico dall’effetto ipnotico grazie al ben noto stile magico de “Le mille e una notte” rivisitate e aggiornate in chiave occidentale e moderna. L’instant-show sarà presentato dallo scrittore Andrea Pinketts, con la regia di Paola Pellegrino ed interpretato dal gruppo teatrale Ecathe, con l’attore Pier Picchetti, le musiche arabe del percussionista Emanuele Lepera e le coreografie di Malika Ferhat. La stessa scrittrice sì unirà così alle esibizioni coreografiche di danza orientale, dalle cui suggestioni ha tratto l’ispirazione narrativa per gli episodi del suo recente romanzo. La prosa lirica diviene così il punto di partenza per comunicare attraverso i molteplici, e poliedrici, linguaggi dell’arte.

Inserito il 27.10.2007

5 LUGLIO 2007 - DAS - L'INVENZIONE DI DARIO SALA

COLLETTIVA CURATA DA MILLI GANDINI - CON OPERE DI BRUNO MUNARI - MICHELANGELO JR - ECC.

5 LUGLIO 2007 - DAS - L'INVENZIONE DI DARIO SALA

IDENTIKIT by RUNNING
Da Spazio Anfossi –V.le Monte Nero 76, Milano – Tel.: 02 59900711
A Le Trottoir P.za 24 Maggio 1, P.ta Ticinese, Milano –
Opere: BRUNO MUNARI, Guido Anderloni, Elizabeth Aro, Nanni Balestrini, Milena Barberis, Grazia Bonomo, Rossana Campo, Marco Cingolani, Antonio Dell’Isola, Silla Ferradini, Cesare Fullone, Paola Fiorido, Gigirigamonti, Silvia Levenson, Valeria Magli, Sara Magni, Running Mannarelli, Andrea Mattoni, Michelangelo Jr, Claus Miller, Giancarlo Minelli, Silvia Palombi, Marco Pedroni, Marta Pellis, Mariuccia Secol,Carlo Steiner, Alberto Tognola, Marlene Winkes, Grace Zanotto
Alle due inaugurazioni parteciperà lo scrittore e performer Andrea G. Pinketts.
Tiro avanti perchè ho una mia filosofia .Il nulla è impossibile che ci sia. Qualcuno di più grande deve esistere. Nei prati quei fiorellini piccoli e ben disegnati da chi sono andati a scuola? (Dario Sala)*
Lo Spazio Anfossi apre una mostra rivolta al piccolo, al micro, all’attitudine plastica del bambino prima, dell’artista dopo. E’ una mostra fatta con il DAS da artisti che, in modi diversi, si cimentano con il comune, mirabolante materiale brevettato e venduto per poche lire nel 1962 da Dario Sala. Antiquario poeta chansonnier, scrittore reduce pacifista, Dario Sala (DAS dalle iniziali del suo nome) ha chiuso la sua vita a novantatre anni nel 2005 a Trecallo, una frazione di Como, dove ha abitato sempre. Tra ciò che è destinato a sparire come nel “Paese delle ultime cose” di Auster e l’accumulazione maniacale protagonista di “Le cose” di Perec, coesiste un’accelerata realtà di perdita disperata o di convulsa acquisizione: atteggiamenti estremi di ricerca e possesso comunque inappaganti. Le cose dell’artista, per l’artista stesso devono ineluttabilmente nascere, poi non importa quali strade prenderanno: all’autore interessa l’idea, il suo riconoscimento e la non dimenticanza. I contemporanei non puntano più sull’eternità dell’opera, giocano (o si dannano) sulla testimonianza della propria contemporaneità. In questa mostra “cose”, come giochi d’arte, danno un immediato divertimento e piacere a chi le crea e a chi ne usufruisce. Bruno Munari, donandomi un suo lavoro intitolato “le ore piccole della notte” mi disse che era molto fragile, ma che se si fossero staccati degli elementi (palline di legno) avrei potuto tranquillamente sostituirle con il magico Das. (questo lavoro aggiustato sarà qui esposto). La mostra con piccole cose di tanti artisti testimonia, attraverso il Das (che imita l’antichissima creta), evanescenza deperibilità fatiscenza dell’oggetto a favore dell’idea che l’ha concepita. Il Das, un materiale malleabile dolce con tante possibilità d’uso che ha ispirato i bambini dell’ultimo mezzo secolo, pieno dell’ingenuità e genialità di chi l’ha inventato. Milli Gandini Vorrei che qualcosa di ciò che ho fatto lasciasse un segno - ha detto Sala poco tempo prima di morire - ma non me ne cruccio più di tanto. (*Intervista di Giorgio Bardaglio, Corriere di Como 4/4/1999)

Inserito il 27.10.2007

12 LUGLIO 2007 - CHIARA AGNINI - MOSTRA OPERE 2007

PENSIERI E LUOGHI MEDITATIVI

12 LUGLIO 2007 - CHIARA AGNINI - MOSTRA OPERE 2007

Pensieri e luoghi meditativi Belli, brutti, grandi, piccoli, con la turca, con il seggiolino, cieco, con la finestra, profumato, o maleodorante; è in ogni luogo! Obbligo è andarci, c’è però chi lo vive anche come un piacere! Dal momento in cui vieni al mondo fino a quando te ne vai è una presenza costante! Chi lo cerca come prima cosa, chi va solo all’ultimo momento, chi ci passa un’intera giornata, chi solo cinque minuti; c’è chi ci legge sopra, chi ci mangia, chi ci dorme, chi ci fa l’amore, chi si guarda, chi pensa! chi lo usa per fuggire, chi per conoscersi, chi per meditare! Viene chiamato in vari modi, gabinetto, pensatoio, toilette, turca, pisciatoio, cesso! Indispensabile all’essere umano, non pone alcuna distinzione: di fronte al mitico gabinetto il cristiano, il mussulmano sono uguali, anche il santissimo Papa è uguale al più poveraccio, Il presidente della repubblica è uguale al più bieco dei carcerati! Il gabinetto, chiamato cosi anche al senato, non pone l’uomo solo di liberarsi al livello fisico, ma è una istituzione di libertà! Per quanto mi riguarda ho iniziato a dipingere per un bisogno, lontano da ogni velleità, un’esigenza per potermi sentire, almeno per qualche ora, libera e soprattutto libera da tutti i condizionamenti sociali! E’ una pittura che da forma più alla mente che a quello che ci circonda, questo anche per una personale presa di coscienza perché la vita rimane sempre la stessa; solo dentro di noi qualcosa può cambiare! Ho scelto di esprimere anche il dolore e la mia sofferenza, visto che non mi è stato assolutamente facile accettare la vita per quello che è veramente! E il cesso ne è l’emblema! Oggi mi sento più sicura e anche se è solo un cesso, esiste almeno qualcosa che accomuna ogni uomo! (Chiara Agnini)

Inserito il 27.10.2007

6 e 7 OTTOBRE 2007 -

MOSTRA FOTO

6 e 7 OTTOBRE 2007 -

Comunicato StampaLe Trottoir, sabato 6 e domenica 7 ottobre 2007
La Fête Des Amants. - La prima Quarantottore d’amore a Milano
A Le Trottoir, Sabato 6 e domenica 7 ottobre, una no-stop dalle 4 del pomeriggio fino alle 3 della notte in cui si susseguono performance artistiche e musicali, proiezioni, lezioni, discussioni che raccontano l’amore. Ad accompagnare le parole, le note della storica band francese Les Amants, che cantano l’amore con i loro pezzi originali e con brani dei Depeche Mode, Maroon 5, Daniel Lanois, Lou Reed, Elvis Presley.
Sabato 6, Mattia Signorini presenta il romanzo Lontano da ogni cosa (Salani Editore 2007), dedicato a “Tutti quelli che hanno puntato la loro strada, dritta in faccia. E hanno svoltato”. Intervengono Giovanni Choukhadarian e Fulvio Panzeri (critici letterari).
Domenica 7 suonano anche i formidabili Houston!, pubblicati da Sliptrick Records di San Francisco.
Lo scrittore Andrea G. Pinketts legge brani tratti da Romeo e Giulietta di William Shakespeare e dalla Divina Commedia di Dante Alighieri.
Il campione internazionale di fotografia subacquea Francesco (Ciccio) Sesso espone 16 scatti nella mostra dal titolo “Calabria Underwater”, ovvero Sesso a 100 metri sottacqua.
Come un mantra si ripete la proiezione di Comizi d’amore, il leggendario reportage di Pier Paolo Pasolini sull’amore nell’Italia degli anni Sessanta.
L’amore, sentimento indisciplinato per eccellenza, suscita l’interesse potente della gang di Lezioni di indisciplina “Pensiero e gesto nell’arte e nell’economia”, pensate non a caso a Le Trottoir nel 2001 (e presentate negli anni successivi all’Università della Calabria, all’Università La Sapienza di Roma, al Teatro Strehler di Milano).
Sul tema “Reddito, benessere, felicità accessibile” intervengono: Beppe Benvenuto (critico letterario), Paolo Caruso (filosofo), Pierangelo Dacrema (filosofo dell’economia), Philippe Daverio (antropologo), Demetrio De Stefano (giornalista), Paul de Sury (economista), Manuela Gandini (narratrice d’arte), Giovanni Mariotti (scrittore), Renato Mannheimer (sociologo statistico), Armando Massarenti (filosofo e giornalista), Jody Vender (banca d’affari).
Il geniale Michelangelo Mazzari, pianista jazz, presenterà un suo pezzo sul tema dell’amore appositamente preparato.
Pierangelo Dacrema parlerà di PIL, Prodotto Interno Lordo, e di ricchezza individuale, e annuncerà il calendario del suo corso universitario di 60 ore “Economia di oggi, economia di domani” che si terrà a Le Trottoir nell’inverno 2007/2008.
Pierangelo Dacrema, Michelangelo Jr, Running Mannarelli, autori di Lezioni di indisciplina con Andrea Pinketts e Paul de Sury, conducono con le loro performance La Fête Des Amants nella cornice scenografica realizzata sugli scatti di Fabrizio Garghetti, reporter ufficiale FLUXUS.
… Con Amira (pittrice), Valeria Banzato (art supporter), Dinora (flauto), Paola Fiorido (artista comportamentale), Paola Ginnasi (costumista), Jessica C. (aiuto produttore), Eva Legnaro (attrice), Maria Elisabetta Marelli (regista), Lucilla Signori (producer), Thays (art supporter), Lucia Tattili (tip-tap), Xena (attrice).
Le Trottoir, P.za XXIV Maggio 1, Milano - www.letrottoir.it – Tel.: +39 028378166 - 3332882039

Inserito il 27.10.2007

27 0TT0BRE 2007 - EMANUELE SANTANDREA - PRESENTAZIONE LIBRO

27 0TT0BRE 2007 - EMANUELE SANTANDREA - PRESENTAZIONE LIBRO

SABATO 27 0TT0BRE 2007 - DALLE ORE 21
EMANUELE SANTANDREA - PRESENTA IL SUO ULTIMO ROMANZO "IL DOTTOR RICORDI" CON MAURIZIO DE FILIPPIS. OSPITE ANDREA PINKETTS

Inserito il 27.10.2007

Dal 8 OTTOBRE 2007 - MOSTRA QUADRI

DI NADIA PIKKETT e MICHELA ALESI

Dal 8 OTTOBRE 2007 - MOSTRA QUADRI

Dal 8 Ottobre al 30 Ottobre 2007 - MOSTRA QUADRI "CARNALI ARCANI"

Inserito il 27.10.2007

30 APRILE 2007 - LEZIONI DI INDISCIPLINA IN FRANCIA -NIZZA: “CECI N’EST PAS UN PENSEUR”

NICE - FRANCE - SPLINKX GALLERY - di MANUELE VINALE

30 APRILE 2007 - LEZIONI DI INDISCIPLINA IN FRANCIA -NIZZA: “CECI N’EST PAS UN PENSEUR”

SPLINKX GALLERY
MICHELANGELO JUNIOR - “CECI N’EST PAS UN PENSEUR”
SPLINKX - 15, rue Colonna d’Istria – 06300 NICE
SPLINKX, il luogo d'arte ideato e diretto da Emanuele Vinale, inaugura la propria attività presentando quattro grandi opere e una performance dell’artista italiano sul tema della noia.
Michelangelo Junior ha un lungo trascorso parigino e ha lavorato in vari luoghi del mondo collaborando con Achille Bonito Oliva, Allen Ginsberg, Alan Jones…. Di origine Fluxus, da sempre affronta tematiche esistenziali e sociali. Assume strategie concettuali lievi per affettarle con azioni estreme che si realizzano attraverso la pittura, la musica, installazioni, performance.
Michelangelo Jr: “ La noia mi ha immobilizzato, il vertiginoso vortice degli eventi straordinari si esaurisce in se stesso, annulla percezioni e interpretazioni. Luce bianca monotonamente abbagliante è sintesi, risultato spettrale della velocità. Scarnificato, prosciugato mi ritrovo di marmo, io sono "Le Penseur" di Rodin. Nell'improbabile posizione scultorea non rifletto. Esaspero la fatica del braccio a sostegno dell'ovale più pe(n)sante del corpo. Confido nella stanchezza fisica come accezione esistenziale. L'acido lattico sarà la soluzione, lo spunto alchemico di sopravvivenza. Bleffando ignoranza, funanbolando sui tendini, ringiovanirò l'assurdo.”
Nell’occasione presenzieranno con un loro intervento alcuni amici e compagni di “Lezioni di indisciplina” (conferenza performance concerto) tenutesi negli ultimi anni nelle più prestigiose università italiane e al Teatro Streheler di Milano:
Pierangelo Da Crema, filosofo e economista, autore di Trattato di economia in breve. Frammenti di filosofia del gesto – Ed. Rubbettino, 2005 : “Il pensiero è oggettivo, la volontà è soggettiva. Perciò, per diventare una causa, il pensiero ha bisogno di un corpo.”
Running Mannarelli, performer imprenditore : “Non ho paura che tu mi uccida, è più grave che tu mi lasci morire.”
Andrea G. Pinketts, scrittore, Chevalier de l'Ordre National du Mérite, ultimo romanzo tradotto in francese Fuggevole turchese – Ed. Rivages, 2005 : “Il pensatore è un uomo d’azione che ha già agito. Il pensatore tiene il mento tra la mano però gli prude il dito. Il pensatore è un uomo senza agire perché ci sta pensando ed è capace di vivere e morire perché ha già scelto il quando.”
SPLINKX - 15, rue Colonna d’Istria – 06300 NICE – FRANCE - Diretta da Emanuele Vinale - VERGROUND LTD PRODUCTIONS - splinkx@yahoo.fr - 33 (0)666828194

Inserito il 30.10.2007

← Ritorna indietro


 
 
 

© 2019 Copyright Le Trottoir alla Darsena

Web Design by Account web solutions