Le Trottoir alla Darsena | Piazza XXIV Maggio, 1 - Milano
Le Trottoir alla Darsena - Ritrovo d'Arte, Cultura e Divertimento
contatti    mappa
 
 
 
 
 
       
 
Eventi
 

TERMINATO - 4 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - PULP PROJECT - Tarantino's Sound Track (4 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 4 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - PULP PROJECT - Tarantino's Sound Track

SABATO - 4 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - PULP PROJECT - Tarantino's Sound Track

Inserito il 05.04.2009

TERMINATO - 6 APRILE 2009 - AMOS MATTIO - SPETTACOLO TRA POESIA E MUSICA (6 April 2009)

BESTIE E DINTORNI - CON ANDREA G. PINKETTS - AL PIANO GIUSEPPE GIUSTA

TERMINATO - 6 APRILE 2009 - AMOS MATTIO - SPETTACOLO TRA POESIA E MUSICA

bestie e dintorni
uno spettacolo teatrale tra parole e note
Durata: 30 min

presenta Andrea G.Pinketts

Voce: Amos Mattio
Pianoforte: Giuseppe Giusta
Testi e Regia di Amos Mattio
Musiche di G.Giusta, S. Mix, A. Savinio, F. Chopin


Il recital "bestie e dintorni" è una sequenza di immagini frammentarie, come istantanee della vita uscite da una polaroid.
Le note del pianoforte e le parole dei testi, alternate e sovrapposte, sono come le tessere di un mosaico, di un puzzle.
Singolarmente le tessere presentano degli scorci, delle impressioni, ma - se accostate - possono ricostruire un quadro più ampio, che rappresenta la vita e il mondo, in cui si muovono anime travagliate alla ricerca di pace.
Sono loro le "bestie", mentre e i "dintorni" sono gli ambienti in cui queste anime si muovono, e - contemporaneamente - sono paesaggi dell'anima.
I protagonisti dello spettacolo, come due amici di vecchia data che si incontrano davanti a una bottiglia di vino, provano a ricomporre il quadro con parole e note.

Amos Mattio
Autore e interprete, ha studiato recitazione con Ricardo Fuks.
Tra i lavori teatrali recenti in cui ha recitato: "L'Ospite inatteso" di A. Christie, "Le avventure di Alice" di R. Fuks, "Il Drago" di E. Swarz e il monologo "Sconcerto" di R. Fuks.
È autore di poesie, pubblicate in libri autonomi tra cui il volume "Bestie e dintorni" (Lietocollelibri 2004) e in antologie tra cui "Nuovissima Poesia Italiana" (Mondadori, 2004), di testi narrativi e di un romanzo in corso di pubblicazione.
Dal 2008 è segretario organizzativo della Casa della Poesia di Milano.

Giuseppe Giusta
Pianista, ha tenuto concerti in Italia ed all'estero suonando in prestigiose sale concertistiche e per importanti istituzioni tra cui il Conservatorio P.I.Tchaikovskj di Mosca, il Metropolitan Museum di New York, l'Auditorio Nacional di Madrid, il Palazzo della Cultura di Sofia, il Palazzo Reale di Queluz (Lisbona), lo Zelt Musik Festival di Freiburg, l'Auditorium dell'Ateneul di Bucarest, l'Auditorium "S.Fedele" di Milano, il Teatro "Bibiena" di Mantova, il Teatro "Ghigne" di Roma.
Ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per RAI 1, Radio 3, Radio Nacional de España, Radiovaticana, Asia TV, discografiche per Musique du Monde, Phoenix Classics e Literatura Foìro. È fondatore del Quartetto Pianistico Italiano, formazione cameristica per due pianoforti a otto mani, che propone oltre a originali composizioni di epoca romantica anche diverse opere contemporanee, molte delle quali sono state dedicate al quartetto.

Inserito il 06.04.2009

TERMINATO - 6 APRILE 2009 - PEDRAZZI AL PIANOFORTE & TRIO JAZZ (6 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 6 APRILE 2009 - PEDRAZZI AL PIANOFORTE & TRIO JAZZ

LUNEDI - 6 APRILE 2009 - PEDRAZZI AL PIANOFORTE & TRIO JAZZ

Inserito il 06.04.2009

TERMINATO - PASQUA -12 APRILE 2009 - MUCIANGA & BAND (12 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - PASQUA -12 APRILE 2009 - MUCIANGA & BAND

PASQUA - DOMENICA - 12 APRILE 2009 - MUCIANGA & BAND

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 13 APRILE 2009 - CONTEMPORARY JAZZ - GIOEL SEVERINI AL PIANOFORTE & TRIO (13 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 13 APRILE 2009 - CONTEMPORARY JAZZ - GIOEL SEVERINI AL PIANOFORTE & TRIO

LUNEDI - 13 APRILE 2009 - CONTEMPORARY JAZZ - GIOEL SEVERINI AL PIANOFORTE & TRIO

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 14 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - THE DRAGONS - COVER BAND (14 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 14 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - THE DRAGONS - COVER BAND

MARTEDI - 14 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - THE DRAGONS - COVER BAND
SAM - Voce e Chitarra + PHANTOM - Contrabbasso + MARTIN - Batteria

Inserito il 30.04.2009

TERMINATA - 16 APRILE 2009 - MOSTRA DAVIDE RE (16 April 2009)

POESIA E PROFONDITA' NELLA SUPERFICIE

TERMINATA - 16 APRILE 2009 - MOSTRA DAVIDE RE

DAVIDE RE POESIA E PROFONDITA' NELLA SUPERFICIE Vivo in un momento in cui il concetto di anima è superfluo e l'analisi della realtà non è più affidato al lavoro di analisi profonda. Il senso è ricercato nel numero di connessioni e nei rimbalzi emotivi che ne conseguono,superficiali. La mia esperienza visiva mi fa coagulare immagini che forzatamente riconosco nella superficie, quasi a ricordare emozioni passate Le superfici diventano spunto per l'attimo in cui si riconosce una forma comune, che sta nella profondità dell'immaginario collettivo. Profondo. La mappa non è il territorio. Davide re è nato a los Ageles nel 1979 e ritornato in italia si aggira a milano da più di vent'anni

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 19 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - SHERIFF ROCK BAND (19 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 19 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - SHERIFF ROCK BAND

DOMENICA - 19 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - SHERIFF ROCK BAND

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 20 APRILE 2009 - INAUGURAZIONE MOSTRA - RODOLFO GUZZONI (20 April 2009)

SINTESI DI CLASSICISMO

TERMINATO - 20 APRILE 2009 - INAUGURAZIONE MOSTRA - RODOLFO GUZZONI

Rodolfo Guzzoni dopo essersi diplomato al Liceo Artistico di Brera e aver conseguito la laurea all’ Accademia di Belle Arti entra nel mondo della pubblicità e dell’editoria come illustratore iperrealista, mondo che lascia definitivamente dopo venticinque anni per dedicarsi esclusivamente alla pittura. La sua attività artistica, libera da ogni condizionamento esterno,si estrinseca in progetti assolutamente indipendenti gli uni dagli altri sia come contenuti sia come tecniche, sebbene inconsciamente collegati. Sempre alla ricerca di una intensa espressione della sua interiorità arriva a una sintesi personale del classicismo con la serie “Drappi”, alla quale fa seguito una riflessione sull’ incapacità dell’uomo di comunicare con il periodo delle “Cose non dette”. Successivamente, in “Percorsi”, inevitabilmente evolve un desiderio quasi inconscio di parziale apertura al mondo esterno con frammenti di pensiero fissati sulle tele. Questa apertura diventa evidente nell’ultima serie, “L’avrei fatto se”,dove l’interesse per l’Altro si fa prepotente, costringendo a portare in superficie l’insoddisfazione che si insinua in ciascuno dei soggetti elaborati. Predilige tele di grandi dimensioni, sulle quali utilizza tecniche miste con un uso sapiente del colore mai sfacciato, sempre nel rispetto della discrezione che è la base della sua personalità.

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 21 APRILE 2009 - MINA VAGANTE (21 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 21 APRILE 2009 - MINA VAGANTE

MARTEDI - 21 APRILE 2009 - MINA VAGANTE

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 26 APRILE 2009 - ALESSANDRO CASTAGNERI - LANCIO NUOVO CD (26 April 2009)

DALLE ORE 17 - VINA RECORDS - PIAZZA XXIV MAGGIO - PORTA TICINESE

TERMINATO - 26 APRILE 2009 - ALESSANDRO CASTAGNERI - LANCIO NUOVO CD

Ciao, sono Davide Diomede della Vina Records di Torino. - Come da telefonata, ti confermo la presentazione del cd "Giallo Rosso Blu" di Alessandro Castagneri per domenica 26 aprile a "Le Trottoir".
A partire dall'Happy hour (ore 19) Alessandro e la band suoneranno, con alcune pause fino al momento del cambio palco per la band della serata.
L’esordio discografico di ALESSANDRO CASTAGNERI - “GIALLO ROSSO BLU” Una spietata fotografia di una società dormiente
Si chiama “Giallo rosso blu” (etichetta Vina Records) il primo lavoro discografico da solista di Alessandro Castagneri, cantautore italo-greco che attualmente vive a Torino. Nove brani impregnati di spiccate sonorità e ambientazioni mediterranee che rispecchiano le origini dell'autore, anche grazie all'utilizzo di strumenti tradizionali quali il bouzouki, il baglamà, il banjolino fino ai più comuni mandolino, tromba e fisarmonica. In questo contesto musicale i testi si alternano tra descrizoni introspettive, autobiografiche e sarcastiche elucubrazioni antipolitiche. Un disco “anti” ma anche “pro”. Un’analisi lucida e attenta di una società che preferisce essere “camaleontica” piuttosto che “svegliarsi e rendersi conto”. Gli arrangiamenti del disco sono frutto di un intenso lavoro di preproduzione e produzione, supportato durante le sessioni di registrazione, dall'esperienza di musicisti che appartengono alla scena italiana ed internazionale:
Marco Piccioni (Will Hawkins, Jeremiah Adjel, Julia Biel, Starfish Radio): chitarre e bouzouki Alessandro Maiorino (Manu Chao, Baustelle): contrabbasso Enzo Zirilli (Gloria Gaynor, Rossana Casale, Dado Moroni): batteria e percussioni Fulvio Chiara (Paolo Conte, Rossana Casale): tromba e fisarmonica
Il disco si apre con Vita Camaleontica (primo singolo in air play radiofonico), brano dal sapore reggae con ritmiche scandite dai musicisti cubani Joel Soto Gonzales al basso e Caldero 'Calderin' alla batteria (entrambi nella line-up dei Tribà). Un tappeto percussivo di cajon accompagna invece il 'ricercato' pop-folk di "Dolceamaro", mentre la chitarra tex mex e la tromba a tratti mariachi di "Giallo Rosso Blu" ci guidano attraverso una musica di frontiera ripresa più avanti dalla polverosa slide di chitarra e dalla malinconica fisarmonica di "Preludio". Le sonorità balcaniche di "Resta qui" si contrappongono alle accennate vene pop-rock di "Come si fa" e "Letargo Civile", mentre i decadenti archi di contrabbasso e la tromba intimista di "Grazie e ciao" anticipano "Ninnananna", morbida ballata di chiusura.
Nel complesso, emerge uno stile personale frutto di diverse influenze musicali legate al panorama artistico italiano degli anni 70, alla musica tzigana greca, ad un folk border-line di centro america e ad un cantautorato contemporaneo; un 'crossover da salotto' le cui liriche alternano taglienti temi di autocritica e denuncia sociale ad aspre e romantiche riflessioni sulla quotidianità sentimentale.
Nel booklet ogni canzone è accompagnata da citazioni di Gesù Cristo (testo sacro gnostico Pistis Sophia), a San Paolo, al Corano, passando per Leonardo Da Vinci, Ghandi, Nietzche, Federico il Grande e Goldberg. Fino ad arrivare ad un passo de “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach: “Hai idea di quante volte ci sarà toccato di vivere prima che ci passi per il cervello che c’è al mondo qualcos’altro che conta, oltre al mangiare, al beccarci fra noi, oltre insomma alla legge dello Stormo? (…)”.
Dal primo dicembre in airplay radiofonico il primo singolo: Vita Camaleontica - “La vita cambia colori, forme, profumi, melodie...ci cambia, fuori e dentro, nella mente e nel cuore…e vogliamo o dobbiamo adeguarci, vogliamo o dobbiamo scontrarci…per imparare, per impararla...ma Dio è sempre”. (A. Castagneri)
“Giallo rosso blu” è disponibile su iTunes e su altri principali web music store (AmazonMP3, Napster, Emusic, Rhapsody, ShockHound, Lala, Amie St.)

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 27 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - BIFEZZI & CONTEMPORARY JAZZ TRIO (27 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 27 APRILE 2009 - LIVE CONCERT - BIFEZZI & CONTEMPORARY JAZZ TRIO

LUNEDI - 30 MARZO 2009 - LIVE CONCERT - BIFEZZI & CONTEMPORARY JAZZ TRIO

Inserito il 30.04.2009

TERMINATO - 28 APRILE 2009 -LIVE CONCERT - ARANCIONI MECCANICI (28 April 2009)

OPEN - FROM 12 a.m. TO 3 a.m. - MINIMA CONSUMAZIONE OBBLIGATORIA

TERMINATO - 28 APRILE 2009 -LIVE CONCERT -  ARANCIONI MECCANICI

MARTEDI - 28 APRILE 2009 -LIVE CONCERT - ARANCIONI MECCANICI

Inserito il 30.04.2009

TERMINATA - MOSTRA FINO AL - 30 APRILE 2009 - MOSTRA SCULTURE - MATTEO VOLTATI (30 April 2009)

CURATA DA VERA AGOSTI

TERMINATA - MOSTRA FINO AL - 30 APRILE 2009 - MOSTRA SCULTURE - MATTEO VOLTATI

Metamorfosi Matteo Volpati La metamorfosi è un tema classico per eccellenza. Pensiamo per esempio alle meraviglie delle Metamorfosi di Ovidio, in cui uomini e donne erano trasformati in animali o vegetali per placare la furia degli dei, come punizione, oppure per salvarsi e fuggire da un pericolo. I miti sono stati splendidamente raffigurati nella storia dell’arte ed erano la materia prima sulla quale pittori e scultori esprimevano il loro estro. Anche le leggende annoverano numerose storie in cui uomini e animali sono indissolubilmente legati, ricordiamo le narrazioni sui vampiri o i lupi mannari, ancora così tanto attuali nella letteratura e nel cinema. Nel Novecento, La Metamorfosi di Kafka in cui il protagonista diventa un terribile scarafaggio, è stata l’angosciante rappresentazione della società moderna, spietata e alienante. Matteo Volpati, giovane artista e designer, sembra raccogliere e sintetizzare tutte queste suggestioni, per superarle e contaminarle col gioco postmoderno dei nostri giorni. Crea così enormi e pesanti sculture di legno e carta assemblata, eroici macigni della contemporaneità e del rapporto sempre più incerto e distruttivo che lega l’uomo alla natura. Volpati fa risorgere il Minotauro, gigantesco e possente, dal corpo umano ma dalla testa taurina; oppure fantastiche ibridazioni tra umanità e giraffe, rinoceronti, struzzi, leoni... E’ l’uomo che diventa animale, o l’animale che conquista la posizione eretta tarsformandosi sempre più nell’homo sapiens? Il dilemma è proposto con una certa ironia, come nel caso della Scimmia Bibliotecaria che porta gli occhiali e ha lo sguardo intelligente e curioso. La risposta dell’artista arriva pronta e chiara: Volpati vuole rappresentare l’essere perfetto, che fonde insieme l’anima animale e quella umana, sebbene la prima componente abbia la prevalenza, perchè è la parte che solitamente è maggiormente sacrificata e sfruttata. Sono due mondi che si incontrano per la salvaguardia dell’ambiente e il rispetto della natura. E’ per questo che in una drammatica scultura il Capricorno uccide il Cacciatore, ponendogli il piede sopra il petto, in segno di schiacciante e inequivocabile vittoria. La natura indomita, quando depredata e soffocata, si ribella, costringendo l'uomo ad assumersi le sue responsabilità e a riflettere sul suo destino. Il colore denso e acceso delle sculture evidenzia la gioiosa interpretazione naturalistica dell’artista, che vede nell’animale un compagno da amare e proteggere, libero di esistere nei boschi, nelle savane e nelle foreste del mondo. Vera Agosti Metamorfosi di Matteo Volpati A cura di Vera Agosti Dal 23 febbraio al 23 marzo 2009 Le Trottoir Piazza XXIV Maggio, 1 20123 Milano Tel: 02/8378166 info@letrottoir.it ; www.letrottoir.it Presentazione di Vera Agosti lunedì 23 febbraio dalle ore 21:00

Inserito il 30.04.2009

← Ritorna indietro


 
 
 

© 2019 Copyright Le Trottoir alla Darsena

Web Design by Account web solutions