Le Trottoir alla Darsena | Piazza XXIV Maggio, 1 - Milano
Le Trottoir alla Darsena - Ritrovo d'Arte, Cultura e Divertimento
contatti    mappa
 
 
 
 
 
       
 
Eventi
 

DOMENICA - 2 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - TASK POPKER BAND - fino a (3 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

DOMENICA - 2 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - TASK POPKER BAND - fino a

LIVE CONCERT - TASK POPKER BAND

Inserito il 30.12.2010

FINO A - 7 GENNAIO 2011 - MOSTRA COLORI - PATRIZIA NAVA SACCHI Con CONNI PISTILLO PICCA - fino a (8 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

FINO A - 7 GENNAIO 2011 - MOSTRA COLORI -  PATRIZIA NAVA SACCHI Con CONNI PISTILLO PICCA - fino a

MOSTRA "IL COLORE" - I luoghi dove ci invitano plasmano il tema delle nostre opere che così diventano uniche e indissolubilmente legate allo spazio espositivo.
Le Trottoir, questo straordinario polo di aggregazione di vari artisti, creativo e riconosciuto in tutta Europa, ha forgiato il tema della mostra… il Colore ed il Divertimento. Il Colore è Gioia... il Divertimento è Spensieratezza... questo rappresentano le nostre opere con assoluta semplicità. Il senso della mostra è quindi far capire che la creatività è di tutti. Siamo fabbricatrici della nostra beatitudine, lontane da dogmi assoluti e da interessi contingenti di varia natura. Basta usare tecniche relativamente semplici, fantasia e costanza che tutto appare come per Magia... Tu Crei e sei Felice.
PATRIZIA NAVA SACCHI - Patrizia vive a Cernusco Lombardone (LC) ed ha vissuto la sua vita all’insegna della conoscenza dell’arte, della diversità, dell’approfondimento intellettuale intriso da una meditazione attiva della pratica Zen. Questo percorso l’ha portata ad una ricerca sperimentale allargandosi a più linguaggi e strumenti espressivi quali pittura, collage, lacche e print-room.
CONNI PISTILLO PICCA - Conni vive a Milano ma ha vissuto la maggior parte della sua vita all’estero… in Africa ed in America del Sud… esperienze di vita uniche che nutrono a posteriori un'originale e profonda sensibilità cristallizzata nelle sue opere, opere caratterizzate da pannelli ed oggetti usando varie tecniche… collage, foglia d’oro, argento, rame, colori, lacche e metalli.

Inserito il 03.01.2011

DOMENICA - 9 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - FLY DOWN BLUES BAND - fino a (10 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

DOMENICA - 9 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - FLY DOWN BLUES BAND - fino a

Fly Down Blues Band è un trio di netta impronta rock-blues nella classica formazione chitarra/ voce, basso, batteria. Formatosi nel 1999, il gruppo ha al suo attivo un’intensa carriera live e un EP di brani originali, che ha ricevuto ottime recensioni da storiche stars del panorama blues italiano quali Fabio Treves e Paolo Bonfanti. Grande virtuosismo strumentale e profonda espressione dell’anima blues caratterizzano la band, che affonda le radici nella musica afroamericana per reinterpretarla e innovarla costantemente con stile e forte personalità

Inserito il 03.01.2011

GIOVEDI - 13 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - LOLOWAI - FROM VANUATU - fino a (14 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

GIOVEDI - 13 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - LOLOWAI - FROM VANUATU - fino a

Il nome del gruppo proviene da un paese di nome proprio Lolowai, situato nelle isole Vanuatu, nell’oceano pacifico. Questo luogo dimenticato da tutti è spesso riportato in vita nelle canzoni come luogo di pace e serenità, dove ci si accontenta di poco per poter vivere bene. Lo Ska. Si pensi a quello delle origini (con il quale sono nati anche Bob Marley e Peter Tosh) e quello famosissimo degli Ska-p, influenzato appunto anche dal punk. I Lolowai cercano di variare sempre il tipo di Ska proposto, in modo da ottenere brani unici e subito riconoscibili. Non mancano però contaminazioni provenienti da altri generi. La canzone “Pausa birretta” vanta una parte di musica popolare ticinese, mentre la canzone “Ilunga è il tuo nome” contiene una parte Rap. I temi trattati variano molto, si passa da canzoni apparentemente senza senso (“Rino il mio armadillo” o “L’ora delle nozze”) a brani più impegnati: “Caccia infernale” parla della violenza subita dalle balene, “Compriamo la Groenlandia” è un’ironico elogio al surriscaldamento globale: se i ghiacci si sciolgono la Groenlandia tornerà tutta verde e sarà un luogo perfetto in cui trascorrerci le vacanze. Tutti i testi sono scritti in italiano perché è la nostra lingua, quella con cui ci esprimiamo meglio, con cui proviamo sentimenti, ecc Solo la canzone “Pausa birretta” conta un inciso in dialetto ticinese, proprio per render ancora più familiare il tutto e creare un vero ambiente da taverna. Dopo la prima partecipazione a palco ai giovani nel 2010 (dove purtroppo non passarono il turno, ma vinsero il premio come secondo miglior testo e come maggior sostegno del pubblico) i Lolowai hanno avuto occasione di suonare regolarmente a concerti anche importanti e creare così un gruppo di sostenitori sempre crescente e una sempre più grande confidenza con il palco. Tra i concerti più importanti è giusto mensionare il Magliaso Vibez, dove hanno suonato dopo i Cryin Clowns e i Sound Followers e prima degli amici ZonaSun. Evento che ha tutta l’aria di ripetersi (e di crescere) per il quale ai Lolowai è già stata chiesta una nuova partecipazione. La mancanza di finanze non ha ancora permesso al gruppo di creare un vero e proprio CD, per ora si sono limitati ad una demo registrata in casa per gli amici. Demo ormai passata perché il gruppo porta avanti con successo la tradizione di presentare almeno un pezzo nuovo ad ogni concerto. Il ricavato degli ultimi concerti apre però uno spiraglio ad una vera e propria registrazione in studio. Lo scopo del gruppo non è quello di diventar ricchi e famosi, ma semplicemente quello di divertirsi. Lo Ska è un genere liberissimo e ai concerti si osserva gente di tutte le età e soprattutto di tutti i tipi, dal metallaro, al rapper, ecc. Inoltre suonare su certi palchi da ai Lolowai la possibilità di tessere nuovi rapporti con gruppi e organizzatori molto interessanti e importanti.

Inserito il 12.01.2011

MARTEDI - 25 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - VIADIMEZZO - fino a (26 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

MARTEDI - 25 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT - VIADIMEZZO - fino a

LIVE CONCERT - VIADIMEZZO

Inserito il 24.01.2011

DA MERCOLEDI - 26 GENNAIO 2011 - INVITA A UNA MOSTRA - IN SOFFITTA - CURATA DA - MILLI GANDINI - Inaugurazione fino a (27 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

DA MERCOLEDI - 26 GENNAIO 2011 - INVITA A UNA MOSTRA - IN SOFFITTA - CURATA DA - MILLI GANDINI - Inaugurazione fino a

Ristorante al Garibaldi - V.le Monte Grappa, 7 - Milano - 02.6598006 - algaribaldi@acena.it h- dalle ore 19 - milligandini@fastwebnet.it 339.8169116
IN SOFFITTA - crisi e mutamento
Collettiva a cura di Milli Gandini dal 26/01 al 26/02/2011 - Inaugurazione: Mercoledì 26/01 h. 19.30
Nanni Balestrini, Antonio Barbato, Milena Barberis, Joseph Beuys, Claus Joans, Roberta Filippelli, Alberto Fortis, Loredana Galante, Eliana Galvani, Sanja Lasic, Maura Garau, Running Mannarelli, Andrea Mattoni, Michelangelo Jr, Gabriele Monti, Bruno Munari, Gianni Nieddu, Fiamma Pagliari, Silvia Palombi,MaurizioParietti, Moises Santos, Mariuccia Secol, M.Ancilla Tagliaferri, Charlotte Ritzow,Alberto Tognola,Jean Toche,Michelle Vasseur, Andrea Winkes, William Xerra

La soffitta è un luogo appartato, è sopra, è fresco, è asciutto e silenzioso. Nulla si rovina lassù, ma la malinconia può essere insopportabile. Sarà il velo di polvere, la particolare polvere magica che si posa su ciò che è stato separato dal vivere quotidiano a donargli un fascino unico, aggiungendo un valore meditativo, un segreto da scoprire che attira bambini e angeli inventori di se stessi...
Come sempre le nostre collettive sono ispirate a storie vere o a fiabe che assomigliano alle storie vere, tanto per citare l’indimenticabile Calvino. E questa mostra è dedicata ad ALberto Fortis, musicista capace di silenzi e di urla: da In soffitta, canzone dolce e amara sull’emarginazione ricevuta (la preferita di Umberto Broccoli*), alla violenta Vincenzo io ti ammazzerò, recentemente tramutata in Vincenzo io ti abbraccerò (quasi a riconoscere all’antico nemico un merito per l’isolamento subito). E i desideri accadono perché vedi le stelle cadenti e non a caso…perché se vedi le stelle cadere è perché guardi il cielo e se guardi il cielo è perché speri in qualcosa**. Nelle sue canzoni tutte autobiografiche coinvolge ognuno di noi e la storia tutta che ci porta a ripensamenti, partecipazione o ribellione, diversificazioni motivazionali, anche nell’espressione artistica che comprende la performance, la musica, il disegno, la scrittura e il teatro.
Qualche accenno alle opere in mostra: “Il genio creativo riesce a combinare -con maggior rapidità, maggior senso critico di ciò che va buttato via, maggior intuito nella scelta di ciò che è da salvare- lo stesso materiale che era stato messo a disposizione del genio fallito” scrive Umberto Eco nella presentazione del libro di Nanni Balestrini, Tristano*** di cui verrà letto, dal performer Michelangelo jr, un brano da una copia che rende l’unicità del libro delle circa 109 miliardi di versioni virtuali. Di M. Ancilla Tagliaferri un lavoro del ’91 quando, assunta da una casa editrice di riviste pornografiche come impaginatrice, intervenne su foto di nudi inserendo note opere d’arte per oltre un anno senza che la redazione si accorgesse; furono i lettori a segnalarlo, compiacendosi, lei licenziata e poi subito inutilmente richiamata. In mostra sarà esposta, accanto a una copia della famigerata rivista, un'opera attuale: cielo azzurro puro! Il disegno promesso da AL Fortis sarà una sorpresa anche per chi scrive: “Uno sguardo al cielo da una soffitta sciamanica”. Di Sanja Lasic un autoritratto multiplo: ragazza inquieta che in un ambito chiuso si muove stando ferma in diverse posizioni ed espressioni alla ricerca di un’ennesima se stessa capace di uscire da lì. Di Bruno Munari sarà esposto uno dei numerosi negativo positivo (1950-1987); di JeaneToche But,My Dear…; di Joseph Beuys L’arte c’è, quando=malgrado=si ride. * Umberto Broccoli: (prefazione del libro di Fortis, AL Che fine ha fatto Yude? Alberti Editore) giornalista, sovraintendente ai Beni Culturali di Roma e ideatore di “Con parole mie”, Radio 1. ** Alberto Fortis ***Nanni Balestrini, prefazione di Umberto Eco, Tristano, romanzo multiplo, Ed. Derive Approdi srl

Inserito il 23.01.2011

DOMENICA - 30 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT & DJ - IO DRAMA & REBORN - fino a (31 January 2011)

Minima consumazione obbligatoria

DOMENICA - 30 GENNAIO 2011 - LIVE CONCERT & DJ - IO DRAMA & REBORN - fino a

SOTTOSUOLO BRULICANTROPO AL LE TROTTOIR. UN COCKTAIL DI MUSICA E FOTOGRAFIA L’organizzazione d’eventi attiva dal 2005 organizza nel celebre locale di Piazza XXIV Maggio una serata da segnare in rosso sull’agendina: 30 gennaio Milano – Sottosuolo Brulicantropo, collettivo artistico che dal 2005 organizza concerti in svariati Live Club di Milano e provincia, cura domenica 30 gennaio presso lo storico locale di Piazza XXIV Maggio una serata a base di musica e fotografia. Una lunga notte che dall’aperitivo vi accompagnerà sino al calare delle saracinesche. La Musica: La serata si aprirà alle ore 19:00 con il concerto in acustico di Fabrizio Pollio, già Vj di Rock Tv, cantante e leader della band Io?Drama che vanta più di 100 concerti lungo tutta la Penisola e una recente menzione come disco del mese nel programma di Radio2 Rai Caterpillar. Chitarra, voce e violino per una performance intima, riflessiva, caratterizzata da una spiccata vena cantautorale e da una voce capace di toccare l’anima della gente. Dopo l’aperitivo, a partire dalle ore 22:00, sarà il turno di una band emergente dal forte carattere e dalle sonorità tra dark e new wave, i Reborn in March. Dopo le esibizioni dal vivo ancora una volta Fabrizio Pollio, ma in consolle, per un Dj set rock, costellato di chicche che promette di far tendere le orecchie e muovere le anche. La Fotografia: Durante tutta la serata sarà possibile ammirare una selezione del lavoro di Francesco Ponzoni. Fotografo professionista dal 2006. Cemento, luce metropolitana, soffocante e paranoica. La città e l’uomo raccontati dai palazzi e dagli scorci di Milano e dintorni. Un’eco di Gabriele Basilico, e dei miraggi di qualcosa che sembra futuro, ma è un incerto presente. La Filosofia: Sottosuolo Brulicantropo è lotta alla selezione all’ingresso mentale. È voglia di dire, e di farlo nel modo più eclettico possibile. Essere Brulicantropo non è essere tesserati. È l’esatto opposto.

“STANDING OVATION NIGHT”
A Dicembre del 2007 è nato a LeTrottoir di Milano STANDING OVATION NIGHT, la giornata, la serata festosa dedicata a una tua idea. Un progetto semplicemente realizzabile sotto gli occhi di tutta la città, dei tuoi amici e del pubblico de LeTrottoir che sarà il laboratorio, il tuo palcoscenico per un giorno memorabile il cui anniversario verrà celebrato per ricordare la tua idea musicale, letteraria o genuinamente... personale. Per questa STANDING OVATION NIGHT LeTrottoir, con Running Mannarelli e i suoi numerosi amici, si concentra sulla tua creatività; verrai anche ripagato con hospitality, free-cocktail e cena con il tuo partner preferito: La tua STANDING OVATION NIGHT è la nostra festa; Telefona, riserva gratuitamente al 39 3332882039 o email: runningmannarelli@gmail.com

Inserito il 24.01.2011

← Ritorna indietro


 
 
 

© 2019 Copyright Le Trottoir alla Darsena

Web Design by Account web solutions